H.A.C.C.P. (Hazard Analysis Critical Control Points)

You are here

H.A.C.C.P. (Hazard Analysis Critical Control Points)

Descrizione: 

La redazione del Manuale HACCP, ovvero Piano di autocontrollo secondo quanto stabilito da Metodo (Hazard Analisys and Critical Point) è richiesto obbligatoriamente per qualsiasi tipo di azienda o impresa alimetare che utilizzi/manipoli/somministri alimenti come per esempio (ristorante, pub, supermercati, bar, paninoteche, forni, macellerie etc.), per poter garantire il rispetto delle norme igieniche secondo la 852/04 e la 193/07.
 

I principi su cui si basa l’elaborazione di un piano HACCP sono 7: 

1. Identificare ogni pericolo da prevenire, eliminare o ridurre
2. Identificare i punti critici di controllo (CCP - Critical Control Points) nelle fasi in cui è possibile prevenire, eliminare o ridurre un rischio
3. Stabilire, per questi punti critici di controllo, i limiti critici che differenziano l’accettabilità dalla inaccettabilità
4. Stabilire e applicare procedure di sorveglianza efficaci nei punti critici di controllo
5. Stabilire azioni correttive se un punto critico non risulta sotto controllo (superamento dei limiti critici stabiliti)
6. Stabilire le procedure da applicare regolarmente per verificare l’effettivo funzionamento delle misure adottate
7. Predisporre documenti e registrazioni adeguati alla natura e alle dimensioni dell’impresa alimentare.

Il piano deve essere applicabile e applicato, finalizzato a prevenire le cause di insorgenza di non conformità prima che si verifichino e deve prevedere le opportune azioni correttive per minimizzare i rischi quando, nonostante l’applicazione delle misure preventive, si verifichi una non-conformità.

L’obiettivo principale è istituire un sistema documentato con cui l’impresa sia in grado di dimostrare di aver operato in modo da minimizzare il rischio.
Tuttavia, in alcuni casi come nelle piccole imprese, l’applicazione del sistema HACCP può risultare complessa.

Visualizza la tabella delle sanzioni

Sanzioni: per chi non predispone il manuale di autocontrollo da 1000 a 6000€.

REDAZIONE HACCP A PARTIRE DA 230 €

Destinatari servizio: 
Tutte le imprese o aziende che manipolano o somministrano bevande e alimenti.
Fasi di sviluppo: 
- Costituzione del gruppo di lavoro
- Descrizione del prodotto e delle sue modalità di utilizzo e consumo abituali
- Costruzione del diagramma di flusso e sua verifica sul posto
- Identificazione dei pericoli connessi alle diverse fasi della linea e delle misure più idonee per il loro controllo
- Individuazione dei CCP o punti di controllo critici
- Fissazione dei limiti critici per tutti i CCP
- Realizzazione di un sistema di sorveglianza (monitoraggio) per ogni CCP
- Individuazione delle azioni correttive in caso di spostamento dai limiti critici prefissati
- Identificazione delle idonee procedure di verifica del piano
- Registrazione e raccolta di tutti i documenti connessi al funzionamento del piano
Tempi: 
Da 1 a 4 gg in base all’azienda
Focus ( a cosa serve): 
Il sistema nasce e viene messo a punto negli Stati Uniti, durante gli anni ‘60, come insieme di procedure volte a garantire l’assoluta sicurezza dei cibi utilizzati dagli astronauti durante le missioni spaziali. H.A.C.C.P. (Hazard Analysis Critical Control Points): metodologia d’approccio sistematico ed organizzato alla identificazione e controllo dei rischi di natura biologica, chimica e fisica che possono inficiare la sicurezza igienica di un alimento. Vantaggi e caratteristiche del sistema: - E' applicabile con efficacia in qualunque tipo di ciclo produttivo - E' capace di individuare rapidamente la fuoriuscita dai parametri di sicurezza, consentendo la tempestiva adozione delle opportune misure correttive - Contiene i costi sociali e produttivi delle patologie di origine alimentare - Costringe a definire precise e documentate procedure operative interne all’azienda, con conseguente razionalizzazione delle linee produttive - Contiene gli strumenti programmatici per il suo continuo aggiornamento

Seguici su Twitter!